PAGINE BIBLICHE 'ruminate'  in.Comunità

Saulo di Tarso conquistato da Cristo

Vorrei proporvi una riflessione sulla “conversione” di Paolo, guardandola[1] soprattutto nell’ottica della chiamata di Dio e depennando interpretazioni riduttive o addirittura false[2]. Non siamo certo di fronte a un colpo di fulmine o ad una banale caduta da cavallo! C’è ben altro.  

Contesto

Il diacono Stefano, considerato un predicatore pericoloso e blasfemo, viene lapidato a Gerusalemme. Al di là delle accuse mosse contro di lui – l’aver parlato contro il tempio e la Legge – , il vero motivo della condanna è chiaro: la sua professione di fede in Gesù. Pare, dalla descrizione di Luca, che sia stato un vero e proprio linciaggio popolare. Annota il testo:  

 

«Saulo era tra coloro che approvarono la sua uccisione» (At 8,1).

 

 Anzi, i falsi testimoni che avevano accusato Stefano davanti al sinedrio, gettano il loro mantello proprio ai piedi di Saulo:  

 

«I testimoni deposero il loro mantello ai piedi di un giovane, chiamato Saulo» (7,58).  

 

Non ci deve stupire: il discorso di  Stefano, la sua testimonianza di fede, risultava inammissibile per il giovane fariseo, divorato dallo zelo per la causa di Dio. Egli non solo non comprende, ma questo evento lo rafforza ulteriormente nelle sue personali convinzioni, al punto da sentirsi investito di una missione intransigente: inveire contro «uomini e donne» seguaci della nuova dottrina.  

 

Cosa succede infatti  dopo la lapidazione di Stefano? Leggiamo il testo (At 8,1.4):  

«In quel giorno scoppiò una violenta persecuzione contro la Chiesa di Gerusalemme e tutti, ad eccezione degli apostoli, furono dispersi… Quelli però che erano stati dispersi andavano per il paese e diffondevano la parola di Dio.».  

 

La dispersione dei discepoli si estende così fino a Damasco, grande città della Siria. Una piccola comunità cristiana vi si è costituita, provocando agitazione negli ambienti ebraici. Per questo le autorità ebrai­che di Gerusalemme decidono di inviare sul posto una missione di controllo. Ne è a capo Saulo, che al sommo sacerdote «chiese lettere per le sinagoghe di Damasco al fine di essere autorizzato a condurre in catene a Gerusalemme uomini e donne, seguaci della dottrina di Cristo, che avesse trovati» (At 9,2).  

 

Quest'uomo di circa trent'anni, raccomandato dal prestigio e dall'autorità del suo maestro Gamaliele, è considerato un uomo sicuro. Saulo parte quindi per Damasco (At 9,1-9).      

 

Due interpretazioni false o riduttive della vicenda

1. Pensare all’esperienza sulla via di Damasco soltanto nell’ottica di una conversione morale: Paolo, da peccatore a convertito. Così facendo tutto si concentra esclusivamente «su ciò che Paolo era, su ciò che fa per cambiare, su ciò che diviene» (C. M. Martini).

 

 2. Pensare a Paolo come a colui che cambia bandiera: dalla Legge al Vangelo, dalla Sinagoga alla Chiesa, in un cambiamento di campo e basta. Così interpretando riduciamo l’azione di Dio su di lui. Invece, come vedremo, tutto parte da lì: dall’iniziativa libera e imprevedibile del Signore, dalla sua grazia, dal mistero della sua chiamata.  

 

Anche la parola “CONVERSIONE” può condurci un po’ fuori strada. Non a caso Paolo non parla mai della vicenda di Damasco usando questo termine, pur sapendo di essersi convertito a Cristo.

Voi sapete che “conversione” è quella manovra per cui si va in una direzione, a un certo punto ci si blocca e si torna indietro. Dice un cambio di mentalità, un mutamento radicale di vita e, più ancora,un vero e proprio RITORNARE.

Ebbene, Paolo è consapevole che la sua conversione ha una portata ancora più profonda, molto simile a quanto afferma più volte l’apostolo Giovanni esprimendo la sua idea di conversione: “andare a Gesù”.

Detto questo, vediamo come Paolo descrive l’evento di Damasco. Sorprende innanzi tutto che, lui così autobiografico, ne parli poco. Anzi, direttamente, quasi mai. Ai Galati scrive (1,13-17):  

 

«Voi avete certamente sentito parlare della mia condotta di un tempo nel giudaismo, come io perseguitassi fieramente la Chiesa di Dio e la devastassi, superando nel giudaismo la maggior parte dei miei coetanei e connazionali, accanito com’ero nel sostenere le tradizioni dei padri. Ma quando colui che mi scelse fin dal seno di mia madre e mi chiamò con la sua grazia si compiacque di rivelare a me suo Figlio perché lo annunziassi in mezzo ai pagani, subito, senza consultare nessun uomo, senza andare a Gerusalemme da coloro che erano apostoli prima di me, mi recai in Arabia e poi ritornai a Damasco».    

 

Notate i verbi:  

- Mi scelse fin dal seno di mia madre  (Vedi chiamata di Ger 1,5 ed Is 49,1; coscienza dei profeti dell’Antico Testamento)…

- Mi chiamò con la sua grazia…

si compiacque di rivelare a me suo Figlio perché lo annunziassi…   Notate come balza all’evidenza il linguaggio della vocazione: Paolo si percepisce come un chiamato, non semplicemente un convertito. La sua è una vocazione profetica, frutto della benevolenza elettiva di Dio. Con un messaggio ben preciso, una rivelazione, quella del Figlio. Ed infine con una missione: annunziare il vangelo ai pagani.

Anche nella prima lettera ai cristiani di Corinto c’è un accenno, sia pur in toni polemici, all’evento:  

«Non sono forse libero, io? Non sono un apostolo? Non ho veduto Gesù, Signore nostro?» (1Cor 9,1).  

E più avanti:  

«Ultimo fra tutti apparve anche a me come a un aborto. Io infatti sono l’infimo degli apostoli, e non sono degno neppure di essere chiamato apostolo, perché ho perseguitato la Chiesa di Dio» (1Cor 11,8-9).  

 

Damasco, per Paolo, è stato un «vedere il Signore». Gesù appare anche a lui, sebbene indegno (conversione morale!). Su questo evento si fonda la sua dignità di apostolo. Ancora una volta viene ribadita l’iniziativa di Dio, il suo intercettare la nostra libertà investendoci con la sua grazia. Come dicevo, tutto parte da qui. Anche per noi.

Ai Filippesi chiarisce, guardando il suo passato alla luce dell’evento di Damasco:  

«Se alcuno ritiene di poter confidare nella carne, io più di lui: circonciso l’ottavo giorno, della stirpe d’Israele, della tribù di Beniamino, ebreo da Ebrei, fariseo quanto alla legge; quanto a zelo, persecutore della Chiesa; irreprensibile quanto alla giustizia che deriva dall’osservanza della legge. Ma quello che poteva essere per me un guadagno, l’ho considerato una perdita a motivo di Cristo. Anzi tutto ormai io reputo una perdita di fronte alla sublimità della conoscenza di Cristo Gesù, mio Signore, per il quale ho lasciato perdere tutte queste cose e le considero come spazzatura, al fine di guadagnare Cristo e di essere trovato in lui, non con una mia giustizia derivante dalla legge, ma con quella che deriva dalla fede in Cristo, cioè con la giustizia che deriva da Dio, basata sulla fede» (Fil 3,4-9).  

 

Notate: l’apostolo si ritiene irreprensibile quanto all’osservanza della legge.  Dal punto di vista della legge non c’è niente infatti che gli si potesse rimproverare. Era un ebreo di stretta osservanza, con una grande carica morale, un’intensa tensione spirituale, pronto  a difendere strenuamente questo suo tesoro. Ecco perché non è facile dire di lui: è un peccatore che si converte.  

 

Cos’è successo allora veramente?

Ha finalmente capito da che parte stava veramente questo tesoro. Per cui:

- ciò che prima considerava importante, ora non vale più niente;

- ciò che sembrava irrinunciabile, ora è diventato spazzatura. Giudizi e valutazioni si sono capovolte alla luce della conoscenza di Cristo.  

 

Certo, di sé dirà anche: «…ero un bestemmiatore, un persecutore, un violento, ma Dio mi ha usato misericordia. Agivo senza saperlo, lontano dalla fede…” (cfr. 1Tim 1,12-13).   Non un bestemmiatore nel senso che si rivolgeva contro Dio, ma perché in fin dei conti non considerava Dio come Dio, autore e origine di ogni bene. Al centro c’era la sua verità, il suo possesso, il suo tesoro. Un atteggiamento esteriormente irreprensibile, ma interiormente bacato perché esasperato. Esasperato al punto da

- non avere più capacità di comprendere la novità di Dio;

- dimenticare d’essere un pover’uomo graziato da Dio non perché “bravo e bello”, integerrimo… ma semplicemente perché amato;

 - farsi salvezza di se stesso, credendo di essere giunto all’apice della perfezione, abile nel fabbricare autonomamente la propria santità.  

 

È un dramma profondo, che viviamo anche noi. Pensate a quanto ancora anche noi cerchiamo talvolta una salvezza “a nostra misura”, fondando il nostro valore personale su meriti, attività e decisioni proprie…apparentemente generosi, ma intimamente gretti. Pensate a come talvolta pensiamo e agiamo ritenendo che la nostra fede dipenda dai nostri sforzi, dalle nostre capacità, dalle nostre pretese. Sforzi che nutrono l’orgoglio, non la fede! Pensate alla violenza ideologica che s’insinua tra le pieghe delle nostre impennate ‘apologetiche’. Pensate, più semplicemente, ai nostri catechismi personalizzati: questo sì, quello no. Fin qui mi sta bene, oltre me ne infischio.  

 

Vedete, ho citato solo alcuni testi, ma sono sufficienti per comprendere quanto complesso sia l’evento di Damasco. In una parola, quanto misteriosa sia la grazia di Dio che opera. Questo vale anche per noi, lo ribadisco.

A misura della consapevolezza con cui accogliamo la nostra missione profetica – il battesimo non è un evento folkloristico! -, c’è una via di Damasco che ci attende, una chiamata, un dono, una promessa.  

Quali sono “i possessi” che m’impediscono di cogliere con libertà l’iniziativa divina verso di me? Da quale cavallo devo cadere?    

 

Leggiamo ora il racconto della conversione di Paolo scritto da Luca negli Atti degli Apostoli. Voi sapete che l’evento ricorre per ben tre volte nel Libro degli Atti: 9,1-19; 22,6-16; 26,12-18, non certo perché Luca voglia allungare il suo libro, ma per convincere i lettori che si tratta di un avvenimento di portata decisiva.

Qui leggiamo il primo:              

 

1 Saulo frattanto, sempre fremente minaccia e strage contro i discepoli del Signore, si presentò al sommo sacerdote 2 e gli chiese lettere per le sinagoghe di Damasco al fine di essere autorizzato a condurre in catene a Gerusalemme uomini e donne, seguaci della dottrina di Cristo, che avesse trovati. 3 E avvenne che, mentre era in viaggio e stava per avvicinarsi a Damasco, all’improvviso lo avvolse una luce dal cielo 4 e cadendo a terra udì una voce che gli diceva: «Saulo, Saulo, perché mi perseguiti?». 5 Rispose: «Chi sei, o Signore?». E la voce: «Io sono Gesù, che tu perseguiti! 6 Orsù, alzati ed entra nella città e ti sarà detto ciò che devi fare». 7 Gli uomini che facevano il cammino con lui si erano fermati ammutoliti, sentendo la voce ma non vedendo nessuno. 8 Saulo si alzò da terra ma, aperti gli occhi, non vedeva nulla. Così, guidandolo per mano, lo condussero a Damasco, 9 dove rimase tre giorni senza vedere e senza prendere né cibo né bevanda.         

10 Ora c’era a Damasco un discepolo di nome Anania e il Signore in una visione gli disse: «Anania!». Rispose: «Eccomi, Signore!». 11 E il Signore a lui: «Su, và sulla strada chiamata Diritta, e cerca nella casa di Giuda un tale che ha nome Saulo, di Tarso; ecco sta pregando, 12 e ha visto in visione un uomo, di nome Anania, venire e imporgli le mani perché ricuperi la vista». 13 Rispose Anania: «Signore, riguardo a quest’uomo ho udito da molti tutto il male che ha fatto ai tuoi fedeli in Gerusalemme. 14 Inoltre ha l’autorizzazione dai sommi sacerdoti di arrestare tutti quelli che invocano il tuo nome». 15 Ma il Signore disse: «Va’, perché egli è per me uno strumento eletto per portare il mio nome dinanzi ai popoli, ai re e ai figli di Israele; 16 e io gli mostrerò quanto dovrà soffrire per il mio nome». 17 Allora Anania andò, entrò nella casa, gli impose le mani e disse: «Saulo, fratello mio, mi ha mandato a te il Signore Gesù, che ti è apparso sulla via per la quale venivi, perché tu riacquisti la vista e sia colmo di Spirito Santo». 18 E improvvisamente gli caddero dagli occhi come delle squame e ricuperò la vista; fu subito battezzato, 19 poi prese cibo e le forze gli ritornarono.  

 

Siamo di fronte, come accennato, a:

 

1. IL FANATSIMO RELIGIOSO DI SAULO - Un uomo eccitato dalla passione omicida, giustificata come zelo per il Signore. Badate: l’uomo non è mai tanto cattivo come quando pensa di fare questo per glorificare Dio!

 

2. LA CORAZZA DI UNA COSCIENZA IMPERMEABILE che si ritiene nel giusto, ben diversa dalla libertà di coscienza che si costruisce anche relazionandosi agli altri, mettendosi in discussione. Così conciato, sulla via di Damasco…  

 

"all’improvviso lo avvolse una luce dal cielo"

L’intervento di Dio è imprevisto e imprevedibile. E si manifesta innanzi tutto attraverso la luce. Pensiamo per un momento al caos delle origini, infranto dalla parola creatrice di Dio: «E Dio disse: “sia la luce!”. E la luce fu» (Gen 1,3). Il caos si trasforma in cosmos. Le tenebre in luce. Il nulla, il vuoto, in armonia, in vita. Così anche per Paolo: la sua situazione caotica, oscura, violenta, grazie a Dio, si trasformerà in luce, pace e pienezza di vita.  

 

"cadendo a terra udì una voce"

Ora la luce diventa parola. La novità, improvvisa esperienza, relazione. Finalmente il monologo paolino s’infrange, la corazza ermetica della sua chiusura si spezza. Ora ascolta! Anche riferendo il “cadere a terra” di Paolo, l’autore sacro  ricorre ad una fraseologia corrente nei testi biblici per descrivere la reazione umana di fronte alla manifestazione di Dio. In alcuni testi dell’AT indica soprattutto l’adorazione dell’uomo di fronte al mistero divino e il rovesciamento dei disegni umani per iniziativa di Dio.    

 

"una voce che gli diceva: «Saulo, Saulo, perché mi perseguiti?»"

 «Perché perseguitate me, le mie membra» - dirà sant’Agostino parafrasando il testo. Oltraggiare i cristiani è  lottare contro Dio stesso, perseguitare i discepoli vuol dire perseguitare il maestro! «Chi accoglie voi , accoglie me» - aveva detto Gesù.    

 

"Rispose: «Chi sei, o Signore?»"

Nel breve dialogo con Gesù, Saulo pronunzia una sola domanda. Non c’è in lui alcuna resistenza. Una domanda fondamentale, con la quale prima o poi ci confrontiamo tutti: chi sei?    

 

"E la voce: «Io sono Gesù, che tu perseguiti! ed entra nella città e ti sarà detto ciò che devi fare»"

La risposta è chiara. Paolo scopre che Gesù di Nazareth, colui che egli riteneva morto e nemico di Dio, è invece vivo e circondato dalla gloria divina: gli appare infatti nella luce che atterra e acceca, due tratti caratteristici delle teofanie di Dio nell’AT. Attenzione, però. Non leggiamo in questa risposta l’ombra del rimprovero: sarebbe forse un po’ banale. Piuttosto cogliamo la dimensione del perdono in atto: il persecutore è raggiunto dall’amore del perseguitato. L’interloquire con lui è il segno evidente del perdono offerto a piene mani.    

 

"Orsù, alzati…"  

“Alzati” - ossia “Risuscita”, questo il significato del verbo in lingua greca, perché il Signore come dice Ezechiele, non vuole la morte del peccatore, ma che si converta e viva.. Ed ecco i frutti del perdono: la fiducia…diverrà strumento d’elezione. L’esperienza di Paolo è dunque soprattutto un’esperienza di perdono.    

 

"entra nella città"

Perdonato, rinato, risuscitato, ora può entrare in città…un entrare che non è solo un movimento fisico, ma un luogo dello spirito, lo spazio in cui Paolo avrà la possibilità di ricominciare a vivere nuovamente, nel cuore di una comunità al cui centro c’è Cristo, non più la Legge. (entrare e uscire nel linguaggio semitico è una forte esperienza di salvezza).  

 

"...e ti sarà detto ciò che devi fare»"

Un orientamento preciso, che esigerà un’obbedienza totale.             Questo è proprio un racconto archetipo, che non finirà mai di essere vivo, attuale, fino alla fine dei tempi. Questo racconto ci ri­guarda perché descrive il nostro itinerario personale, un itinerario che abbraccia la nostra intera vita. Quante volte, magari senza accorgercene, abbiamo fatto la stessa esperienza di Paolo, di fronte a un evento particolare della nostra vita, a una proposta forte della parola del Signore! E se abbiamo avuto la stessa disponibilità di Paolo a riconoscere di essere di fronte al Signore che ci parlava, si è innescato certamente in noi lo stesso processo.

- Ci siamo sentiti perdonati

- Abbiamo ricevuto un'energia nuova

- Ci siamo ritrovati in città, all'interno di una comunità rinnovata

- Abbiamo esplicitato la nostra disponibilità all'ascolto

- Il nostro impegno nell’eseguire tutto ciò che ci veniva domandato.

Credo che ogni esperienza religiosa autentica comporti simili passaggi. La nostra e la vostra…    

 

"Gli uomini che facevano il cammino con lui si erano fermati ammutoliti, sentendo la voce ma non vedendo nessuno"

Questi uomini che sono con Paolo sono sulla via di Damasco sentono, ma non vedono (negli altri brani di Atti si dirà che vedono ma non sentono: il senso è lo stesso!). Solo cadendo a terra come Paolo possiamo vedere, cioè solo quando il cuore è semplice, disponibile. L’irruzione di Dio nella nostra vita infatti non determina automaticamente una risposta positiva.

Lo stesso evento addirittura in qualcuno può causare un completo affidamento a Dio e in altri rafforzare la propria tracotanza nei confronti di Dio. Sia dunque chiaro: non sono gli eventi in se stessi a produrre il cambiamento. Quand’anche anche noi udissimo la voce di Dio sulla nostra via di Damasco, ma non fossimo capaci di cadere bocconi per terra, ammettendo sinceramente il nostro limite, non faremmo l’esperienza di Paolo, ma rimarremmo nel caos e nelle tenebre: ammutoliti!    

 

"Saulo si alzò da terra ma, aperti gli occhi, non vedeva nulla. Così, guidandolo per mano, lo condussero a Damasco"

Perché, dopo questa rivelazione-conversione, Paolo è cieco? Si direbbe che questa esperienza, invece di riempirlo di gioia, lo abbatta fino ad annientarlo: incapace di vedere, di nutrirsi, bisognoso di essere condotto da altri. Nella Bibbia la cecità è sinonimo di peccato, di disorientamento. È insomma il simbolo dell’uomo incapace di trovare la via giusta, prigioniero del male:  

 

A Cipro, il mago Elimas (At 13,4-12)              

 

Essi dunque, inviati dallo Spirito Santo, discesero a Selèucia e di qui salparono verso Cipro. Giunti a Salamina cominciarono ad annunziare la parola di Dio nelle sinagoghe dei Giudei, avendo con loro anche Giovanni come aiutante. Attraversata tutta l’isola fino a Pafo, vi trovarono un tale, mago e falso profeta giudeo, di nome Bar-Iesus, al seguito del proconsole Sergio Paolo, persona di senno, che aveva fatto chiamare a sé Barnaba e Saulo e desiderava ascoltare la parola di Dio. Ma Elimas, il mago, - ciò infatti significa il suo nome - faceva loro opposizione cercando di distogliere il proconsole dalla fede. Allora Saulo, detto anche Paolo, pieno di Spirito Santo, fissò gli occhi su di lui e disse: «O uomo pieno di ogni frode e di ogni malizia, figlio del diavolo, nemico di ogni giustizia, quando cesserai di sconvolgere le vie diritte del Signore? Ecco la mano del Signore è sopra di te: sarai cieco e per un certo tempo non vedrai il sole». Di colpo piombò su di lui oscurità e tenebra, e barcollando cercava chi lo guidasse per mano. Quando vide l’accaduto, il proconsole credette, colpito dalla dottrina del Signore.  

 

Per la cecità di Paolo non è facile rispondere. Però il contesto in cui si verifica l’avvenimento ci spinge a fare altre supposizioni. La sua cecità non è un castigo ma è:

- un riflesso dello splendore di Dio: a contatto con Dio che è luce, l’uomo si riconosce tenebra;

- un cammino penitenziale: la partecipazione al peccato del mondo;

- un segno del suo essere stato totalmente afferrato da Dio, totalmente preso, come se non vedesse più tutte le altre cose che gli stanno intorno.

Anche il lasciarsi condurre per mano ne è qui la prova: ha smesso di essere la persona autosufficiente, sicura nel suo individualismo esasperato, orgogliosa nell’imporsi sugli altri. Il lasciarsi condurre per mano è un chiaro voler esprime la sua totale consegna e docilità alla Parola!    

 

"dove rimase tre giorni senza vedere e senza prendere né cibo né bevanda"

Tre giorni è un modo letterario per indicare il tempo sufficiente per concludere una situazione molto personale. Ma sono anche i tre giorni in cui Paolo vive la sepoltura stessa di Gesù. Sono i giorni che segnano il passaggio dall’uomo vecchio all’uomo nuovo. Ciò spiega anche il senso del digiuno che è sì frutto sconvolgimento della visione, ma che Luca pone anche con un forte valore liturgico: è il tempo della preparazione del suo battesimo.

Qui entra in scena Anania, un giudeo pio, stimato da tutti gli abitanti di Gerusalemme. Sarà lui, mandato da Dio in seguito a una visione, nonostante la perplessità iniziale (Paolo era il grande persecutore!), ad imporre le mani su Paolo per guarirlo e introdurlo nella comunità dopo aver ricevuto il battesimo.  

 

Ora c’era a Damasco un discepolo di nome Anania e il Signore in una visione gli disse: «Anania!». Rispose: «Eccomi, Signore!». E il Signore a lui: «Su, và sulla strada chiamata Diritta, e cerca nella casa di Giuda un tale che ha nome Saulo, di Tarso; ecco sta pregando, e ha visto in visione un uomo, di nome Anania, venire e imporgli le mani perché ricuperi la vista». Rispose Anania: «Signore, riguardo a quest’uomo ho udito da molti tutto il male che ha fatto ai tuoi fedeli in Gerusalemme. Inoltre ha l’autorizzazione dai sommi sacerdoti di arrestare tutti quelli che invocano il tuo nome».  

 

La presenza di Anania ha per noi un significato fondamentale, soprattutto in un tempo in cui tendiamo a relativizzare la missione stessa della Chiesa. Nonostante l’apparizione diretta del Cristo risorto, è l’inserimento nella tradizione della Chiesa che legittima l’esperienza di Paolo e la sua missione apostolica. Non a caso il Signore rivela questa missione proprio ad Anania:  

 

Ma il Signore disse: «Va’, perché egli è per me UNO STRUMENTO ELETTO per portare il mio nome dinanzi ai popoli, ai re e ai figli di Israele; e io gli mostrerò quanto dovrà soffrire per il mio nome».

 

Non solo: Anania, nonostante la perplessità iniziale, accoglierà Paolo con affabilità e tenerezza, chiamandolo “fratello mio”. In ciò non solo fugando in sé ogni paura ed abbattendo il pregiudizio, ma aprendo il cuore all’amore accogliente. Splendido!

Scriveva Giovanni Paolo II sull’episodio:

«Oggi come ieri, carissimi fratelli che mi ascoltate, l'accoglienza fraterna è dovere importante nella vita della comunità cristiana. Coloro che scoprono Cristo e vogliono seguirlo, coloro che accolgono il suo perdono, debbono in genere affrontare difficoltà non piccole per abbandonare la condizione precedente e perseverare nelle decisioni prese. Hanno perciò bisogno di incontrare dei fratelli e delle sorelle che sappiano accoglierli, fidandosi di loro, qualunque sia il loro passato, e sostenerli nel cam­mino».  

 

Noi sperimentiamo un istintivo giudizio negativo verso coloro che non conosciamo. La non conoscenza diventa un pregiudizio. Che dire quando co­nosciamo soltanto la colpa dell'altro? Allora la con­danna, almeno dentro il cuore, è inevitabile e certa. Non importano le circostanze attenuanti, non importa neppure il pentimento e il proposito di rinascita. Spesso il nostro cuore rimane chiuso e inesorabile.

Forse non ci è difficile pronunziare parole e fare gesti di accoglienza.

Ci è quasi impossibile pensare cose gentili, sicché le manifestazioni esteriori sanno di ipocrisia.

Il grande salto di qualità è dunque questo: apprendere ad accogliere con verità, con la donazione interiore di noi stessi, prima di tutto, perché abbiamo riconosciuto Cristo nel fratello. Anania aveva una garanzia sicura nelle parole del Signore. Ma anche a noi il Signore ha detto di accogliere il fratello bisognoso, non solo di pane, ma anche di con­forto, di perdono, di sostegno. Molta della gioia del mondo è affidata alla nostra capacità di amare.  

 

Il testo si conclude con il battesimo di Saulo e il recupero della sua vista. Sempre ALL’IMPROVVISO. Quasi leit motiv dell’azione di Dio che perennemente ci sorprende!    

 

ALCUNE PROVOCAZIONI  

1.      Quali sono “i possessi” che m’impediscono di cogliere con libertà l’iniziativa divina verso di me? Da quale “cavallo” devo cadere?  

 

2.      C’è, c’è stata una via di Damasco anche per me? Ho afferrato l’opportunità di incontrare esistenzialmente il Signore? Oppure ho sciupato l’occasione, crogiolandomi nella mia cecità?  

 

3.      Riconosco la benevolenza elettiva di Dio che, anche dentro le difficoltà o le contrarietà della vita, mi chiama non solo ad una conversione radicale ma ad una vocazione specifica nella Chiesa e nella società?  

 

4.      In Paolo giudizi e valutazioni si sono capovolti alla luce della conoscenza di Cristo. È così anche per me?  

 

5.      Fondo la mia vita cristiana sulla gratuità di Dio che con il suo amore continuamente mi fa nuova creatura, oppure faccio leva più sui miei sforzi, i miei meriti, le mie attività…, fino a ritenere che tutto dipenda da me?

 

________________

 

 [1] Cfr. At 6,1-6.

[2] Per l’approfrondimento, vedi: C.C.MARTINI, Le confessioni di Paolo, Milano 19867; R. FABRIS, Paolo di Tarso, Milano 20082; H. D. SAFFREY, San Paolo apostolo, Milano 1995; A. VANHOYE, Pietro e Paolo, Milano 2008; B. MAGGIONI, Il Dio di Paolo, Milano 20083.